Il comandante dei carabinieri e la gravissima accusa ai giudici…

“E’ stato trovato in un’area che noi avevamo indicato come di probabile presenza di Igor”. Il generale dell’Arma dei carabinieri, Tullio del Sette, ha svelato il retroscena dell’arresto del killer di Budrio: “Con il Ros e i due comandi provinciali non eravamo soltanto lì in Spagna ma eravamo e siamo anche in Austria e Serbia, perché non abbiamo mai mollato un giorno la ricerca di questo pericolosissimo individuo. Gli ultimi sviluppi hanno dimostrato quanto sia effettivamente pericoloso – ha concluso – e che grosso peccato sia stato metterlo in libertà nel 2015 quando ancora doveva scontare degli anni di galera”.

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.