Pd, la congiura dei ministri per fare fuori Matteo Renzi

 

 

“Serve un quadro diverso e un’agenda diversa”. Il più esplicito di tutti è stato il ministro della giustizia Andrea Orlando. “Serve un quadro diverso e un’agenda diversa”. Il piano è questo: convincere il segretario Pd a fare un passo indietro, a non candidarsi premier e lasciare concorrente per quella poltrona Paolo Gentiloni. Una sorta di “ticket”, lo definisce Repubblica, in cui Matteo Renziresterebbe a guidare il partito mentre l’attuale premier farebbe da “frontman” in campagna elettorale.

 

Perchè ci sono quei sondaggi, aggiunge Repubblica, quelli che girano a Palazzo Chigi che attribuiscono la squadra di governo indici di popolarità e di fiducia altissimi. Esattamente opposti rispetto a quelli sul Pd, che paga tra le altre cose anche le polemiche sul caso Boschi, oltre a una leadership non certo sfavillante. Il confronto è tanto serrato che per qualche giorno è stata anche ipotizzata la convocazione di una direzione ad hoc che mettesse nero su bianco il progetto.

A giudizio di Renzi il “ticket” non ha però ragione di esistere, perchè l’attuale elegge elettorale non esige la scelta di un candidato premier prima del voto e poi, ha ribadito, perchè lui non si fa da parte. Il suo piano è quello di farsi affiancare il più possibile da Gentiloni e ministri durante la campagna, per incassare i consensi di Palazzo Chigi e non farsi accusare d’essere un uomo solo al comando

Lui, personalmente, si candiderà, ha annunciato “al Senato a Firenze”, la sua città. Gentiloni a Roma, Minniti in Calabria, Franceschini a Ferrara o a Roma, Orlando in Liguria, Del Rio in Emilia.La Boschi, probabilmente, correrà nella sua Arezzo. Le scelte dei nomi e dei collegi verranno formalizzate nella direzione Pd in programma il 15 gennaio, mentre una seconda direzione, il 24, si occuperà di definire le liste proporzionali.

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.