Giulia Bongiorno: “L’immigrazione mette in pericolo le donne”

 

Si definisce «un soldato», anche ora che è nell’ esercito di Matteo Salvini. E, nell’ intervista con Maria Latella (Sky Tg24), attacca: «Condivido quanto dice Legnini (vicepresidente del Csm, ndr) in merito al pericolo di un nuovo razzismo dovuto al fatto che, spalancando le porte a qualunque immigrazione, le persone normali non riescono a distinguere tra gli immigrati regolari e gli irregolari. Si creano caos e confusione». Parola di Giulia Bongiorno, palermitana doc, tra gli avvocati più famosi d’ Italia e già difensore – tra gli altri – di Giulio Andreotti e Raffaele Sollecito. In politica è stata con Gianfranco Fini e Mario Monti. Ora, eccola con la Lega. L’ ex leader di An le spalancò le porte del Parlamento sotto le insegne del PdL, mentre il senatore a vita la accolse in Scelta civica. Ma non fu eletta.
Fatto sta che la Bongiorno salviniana attacca. Anche sull’ immigrazione. «Alcuni di questi soggetti», dice a proposito dei migranti «provengono da territori in cui la donna è considerata essere inferiore, nelle loro case vi sono violenze e abbiamo importante anche questo».

IL MINISTERO – Gli osservatori politici immaginano che, in caso di successo del centrodestra, la Bongiorno possa diventare ministro della Giustizia. Lei frena: «Con Salvini ho parlato di quello che vorrei fare per la giustizia e per la sicurezza, delle leggi che potrebbe fare il centrodestra per far ripartire la giustizia e sui clandestini ma non ho mai parlato di ministeri».
Eppure, la sua adesione al Carroccio le ha già portato dei guai. Anche nella sfera privata e lavorativa. Rivela che, in molti, le hanno chiesto i motivi della sua adesione al verbo salviniano: «Mi hanno chiamato in tanti per dirmi di non candidarmi, poi mi hanno ricontattato perché volevano incontrarlo». Di più. Ha iniziato ad avere problemi con la sua associazione Doppia Difesa, messa in piedi con Michelle Hunziker nel 2007. L’ avvocato rivela che un privato, che aveva manifestato l’ intenzione di staccare un assegno consistente, ha cambiato idea dopo la notizia del passaggio alla Lega. Non solo. Il Fatto Quotidiano ha messo in dubbio, con ben due articoli, l’ efficacia della sua associazione a difesa delle donne. La Bongiorno smentisce le malignità e ringhia: «È stupefacente che le prime accuse false, dopo dieci anni di attività, arrivino la settimana dopo la notizia della mia candidatura». L’ avvocato smentisce anche di essere stata sponsorizzata dal collega Niccolò Ghedini, Forza Italia, che secondo alcune linguacce era desideroso di «infiltrare» nel Carroccio una persona che potrebbe essere meno «intransigente» rispetto al leader leghista. «Escludo categoricamente che Ghedini mi abbia suggerito a Salvini», dice la Bongiorno. Che affonda: «Credo ci sia del razzismo nei confronti di Salvini, lui ha nitidezza di idee, ma da sinistra lo considerano un rozzo, come se solo loro possono avere idee limpide».

LA FORNERO – E, tanto per spazzare via gli ultimi dubbi, annuncia: «Sulla Legge Fornero credo allora di non averla votata», dice riferendosi alla sua precedente vita parlamentare, «resto dalla parte di Salvini, ma non credo sarò l’ ago della bilancia con Berlusconi». Non si sottrae nemmeno quando Maria Latella ricorda alcuni episodi che rischiano di far venire il mal di pancia al centrodestra.
Per esempio, quando votò la sfiducia al governo del Cavaliere, nel momento di maggiore tensione tra l’ attuale leader di Fi e Fini. Era il 2010. Lei, incinta, arrivò in Aula in sedia a rotelle. «Sarebbe stato più comodo non farlo», spiega. Ma, appunto, «rivendico una coerenza politica: a me ha offerto la candidatura Fini nel 2006. Poi che Fini abbia fatto una serie di percorsi, a me interessa poco, io sono un soldato, è lui che ha cambiato etichetta.
Non ci sono stati cambiamenti personali».
Bacchetta i Giovani padani che, a una festa di paese, hanno bruciato alcuni fantocci di politici (tra cui quello di Laura Boldrini). E sostiene che Salvini sia «naturalmente» candidato premier. Di solito, la Bongiorno è un drago a difendere.
Ora gioca anche all’ attacco.

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.