Il loro ridicolo silenzio, Antonio Socci sul caso di Daisy Osakue: chi ora si deve vergognare

Daisy Osakue, Antonio Socci: “Il silenzio di tutti quelli di sinistra che hanno parlato di razzismo”

E alla fine, il razzismo non c’entra nulla. A tirare un uovo in faccia a Daisy Osakue, l’atleta italiana, è stato un gruppo di imbecilli tra i quali anche il figlio di un consigliere del Pd. Eppure, come sottolinea Antonio Socci, nessuno di quelli che ha parlato di “ondata razzista”, riferendosi nemmeno troppo velatamente agli effetti del “salvinismo”, ha chiesto scusa. “Giornali, giornalisti e politici (soprattutto del Pd) che su Daisy Osakue riconoscono di aver sbagliato ne abbiamo – chiede retorico Socci -? O già ricominciano a pontificare su fake news, razzismo e cultura dell’odio? E il mare di guano che per giorni è stato scaricato sull’Italia, come paese razzista?”. Domande a cui, c’è da scommetterci, da sinistra nessuno risponderà.

Potrebbero interessarti anche...