L’Ong Open Arms recupera 87 migranti, ma l’Italia la vedranno solo in cartolina: sbarcheranno tutti in Spagna

È come se in Italia non provino neppure più a sbarcare. Open Arms, infatti, oggi ha comunicato di aver recuperato 87 migranti “in acque internazionali” e di averle portate a bordo.

Secondo quanto emerge in questi momenti, gli immigrati non saranno portati in Libia e neppure in Italia. Ma in Spagna.

La Open Arms, come noto, è una Ong spagnola fondata da Oscar Camps. Dunque è Madrid ad essere responsabile di quanto accade a bordo della nave. L’Italia, come già successo in passato, non intende aprire i suoi porti alle imbarcazioni umanitarie che recuperano immigrati nel Mar Mediterraneo.

Secondo quanto raccontato da un giornalista di The Post Internazionale (Tpi), Valerio Nicolosi, che si trova a bordo della Open Arms, il “porto sicuro” scelto dalla Ong per sbarcare i migranti sarebbe appunto la Spagna. Il soccorso sarebbe avvenuto a 40 miglia dalle coste libiche. A bordo ci sono 8 minori, 6 dei quali minori non accompagnati: le nazionalità sono sudanesi, un egiziano, un siriano e un gambiano. A lanciare la segnalazione della presenza in mare del barcone sarebbe stata la Guardia Costiera libica.

L’ultimo braccio di ferro tra la Open Arms e Matteo Salvini risale a qualche settimana fa. L’Ong accusò il governo italiano di essere “complice” dei libici che avrebbero abbandonato (ma un video smentisce questa ricostruzione) una barca nel Mar Mediterraneo da cui sono emersi due cadaveri (una donna e un bambino) e Josefa La donna venne recuperata da Oscar Camps e soci, che poi la portarono in Spagna definendo il Belpaese un luogo “non sicuro” per i profughi proprio a causa delle politiche del ministro leghista. Arrivati a Maiorca, i membri dell’equipaggio denunciarono anche la Marina libica per omissione di soccorso.

Con fonte Il Giornale

Potrebbero interessarti anche...