“INVECE DI PREOCCUPARSI PER LE AGGRESSIONI SI PREOCCUPANO DEI MESSAGGI CONTRO I MOLESTATORI”

SALVINI DIFENDE LA DIPENDENTE TRENORD: “NESSUNO TOCCHI LA CAPOTRENO”

Per il ministro dell’Interno non c’è nessuno “choc” nell’ annuncio contro gli “zingari” fatto oggi da una capotreno di Trenord.

Matteo Salvini si schiera al fianco della dipendente dell’azienda ferroviaria lombarda e la difende dagli attacchi.

Giù le mani dalla capotreno, scrive su Facebook il segretario del Carroccio dimostrando piena solidarietà alla donna ora “indagata” da Trenord per quanto successo sulla linea Milano-Mantova. “Invece di preoccuparsi per le aggressioni a passeggeri, controllori e capitreno  dice il ministro  qualcuno si preoccupa dei messaggi contro i molestatori. Viaggiare sicuri è una priorità!”.

L’annuncio contro gli zingari

I fatti. Martedì 7 luglio, intorno alle 12.50, i passeggeri del treno regionale 2653 sentono uno strano messaggio rilanciato dall’altoparlante del convoglio: I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori  dice una voce femminile  Scendete perché avete rotto. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i coglioni. Le testimonianze di diversi pendolari si somigliano, dunque il fatto sembra essere confermato. Trenord si è subito scusata per quanto accaduto, definendolo un atto “inqualificabile. E se in un primo momento si era pensato anche ad una manomissione, dopo una prima indagine interna sembra che il responsabile sia stato individuato e si tratterebbe di una dipendente che ora rischia un provvedimento o, magari, anche il licenziamento.

L’attacco di Pd e M5s

Di fronte a questo rischio, Salvini decide di scendere in campo. E lo fa difendendo la dipendente di Trenord dagli attacchi sia del Pd che del M5S.  Anche se Trenord è intervenuta e ha annunciato l’avvio di un indagine interna, l’episodio resta molto grave e non deve essere minimizzato. L’utilizzo improprio degli altoparlanti è di per sé un fatto grave, ma i commenti razzisti lo sono ancora di più, ha infatti stigmatizzato il consigliere regionale del Pd, Matteo Piloni.  Mi auguro che sia fatta chiarezza quanto prima e che fatti simili non solo non si ripetano più, ma che si intervenga seriamente per garantire adeguati standard qualitativi del servizio nei confronti degli utenti. Tutte cose che purtroppo oggi non sono garantite.

Anche un esponente dell’alleato di governo della Lega si è espresso negativamente nei confronti della capotreno. Simone Verni, consigliere regionale del M5S Lombardia, ha definito quanto successo un fatto grave. Sappiamo che quello del personale di bordo è un lavoro stressante  ha detto  ma ciò non può giustificare questo tipo di comportamenti. In ogni caso questo annuncio improprio dimostra, ancora una volta, che i treni regionali sono un far west e Trenord è arrivata al capolinea. Ci auguriamo che le parti in gioco vogliano al più presto garantire standard di servizio accettabili e un servizio degno di un paese civile.

La Lega difende la capotreno

Ma Salvini e la Lega non ci stanno e ribadiscono la loro posizione: Ancora una volta si rischia di buttare una croce su qualcuno che la croce se la porta addosso tutti i giorni, dovendo lavorare in situazioni di precarietà, non in sicurezza, e soggetto a continue aggressioni, verbali e fisiche, dice il presidente leghista della commissione Trasporti della Camera, Alessandro Morelli. L’unico premio che andrebbe dato a questi eroi capitreno sarebbe assicurare loro di poter lavorare in sicurezza. Insomma: Nessuno tocchi la capotreno. Tanto che Salvini promette: Farò quello che è in mio potere per evitare sanzioni alla lavoratrice, che già ne sopporta di tutti i colori ogni giorno.

Fonte: qui

 

Potrebbero interessarti anche...