Continua il braccio di ferro sul fronte Aquarius. La nave ong ha recuperato a largo delle coste della Libia almeno 142 migranti

Toninelli ora avverte Londra: “Aquarius è problema vostro”

Continua il braccio di ferro sul fronte Aquarius. La nave ong ha recuperato a largo delle coste della Libia almeno 142 migranti.

Ma di fatto finora non è arrivata alcuna indicazione per lo sbarco. L’equipaggio di Aquarius ha chiesto all’Ue un “porto sicuro”, ma per il momento ha ricevuto picche. Resta in silenzio anche la Spagna che in precedenza aveva aperto i suoi porti per far attraccare le navi ong con i migranti a bordo. Lo scenario che si sta materializzando è simile a quello della “crisi” proprio su Aquarius di qualche settimana fa quando dopo un lunghissimo braccio di ferro venne dato l’ok per lo sbarco nel porto di Valencia dal neo-premier spagnolo Sanchez. Dall’Italia è arrivata la ferma reazione del governo. Il minsitro degli Interni, Matteo Salvini ha già fatto sapere che i porti italiani per Aquarius resteranno chiusi: Non vedrà mai un porto italiano. È di proprietà di un armatore tedesco e batte bandiera di Gibilterra. Stiamo monitorando tutto con le forze dell’ordine. Può andare dove vuole, non in Italia!.

E oggi arriva anche la risposta dal ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli che su Twitter avvisa l’equipaggio della nave e il governo britannico: È stata coordinata dalla Guardia Costiera libica in area di loro responsabilità. La nave è ora in acque maltesi e batte bandiera di Gibilterra. A questo punto il Regno Unito si assuma le sue responsabilità per la salvaguardia dei naufraghi. Insomma per il momento la nave resta in mare. Il braccio di ferro (l’ennesimo) è appena iniziato…

Tratto da ilgiornale.it

Potrebbero interessarti anche...